The King's Birthday - Elvis remembered at Billions

Clicca sull'immagine per ingrandirla

Si preannuncia un gennaio veramente caldo per gli appassionati di Elvis che vivono nella capitale e dintorni. Il giorno 7, al Billions saranno di scena Marco Da Silva & Memphis Five, con una band allargata e una serie di prestigiosi ospiti. Roma omaggia Elvis con classe, competenza e grande musica. Questa vuole essere soltanto una veloce anteprima, avremo tempo per parlare più dettagliatamente di questo evento, ma intanto posso dire che sarò senz'altro lì!


The King's Birthday - Elvis remembered at Billions

Location : BILLIONS - ROMA - SABATO 7 GENNAIO 2017
♪ ♫ ♪ ♫ Roma - THE KING'S BIRTHDAY - Elvis remembered ♪ ♫ ♪ ♫
Festeggiamo insieme il compleanno di Elvis ! Sul palco Marco Da Silva & Memphis Five con straordinari ospiti e una line-up strepitosa. Tanto Rock and Roll ma anche suggestioni Blues, Country, Rockabilly, Gospel e Rhythm and Blues. Un tributo alla MUSICA di Elvis Presley offerto con grande amore, competenza e rispetto per il grande artista. 
Assisterete ad una lunga e completa panoramica della sua carriera leggendaria !
♪ ♫ ♪ ♫ Con estratti da ♫ ♪ ♫ 
The early days at Sun ◆ The RCA Rock and Roll days ◆ The Nashville sessions ◆ In Hollywood ◆ The 68' comeback special ◆ Elvis in Vegas ◆ Aloha from Hawaii ◆ Elvis on Tour ..... and even more !

PRESSO : BILLIONS Via di Settebagni, 761 Roma (Uscita 9 GRA)
info e prenotazioni : 0695225544

Pagina Facebook dedicata


Italians for Elvis - Now and Forever

Articolo precedentemente inserito nel mio blog Entusiasmo Four Vegas.

Sta per vedere la luce - nella forma di un cd - un interessantissimo quanto lodevole progetto a scopo benefico, coordinato e prodotto da Nicla Crippa e Fabio Romano. Il dischetto in questione ospita una lunga serie di cover elvisiane, realizzate da Luca Olivieri, The Dreamers (band del compianto Stefano Bardelli), i Rubberneckin di Massimiliano Barbati, i Four Vegas e lo stesso Fabio, che chiude la corposa compilazione eseguendo con i J.O.'s tre brani prestatigli nientemeno che da Jerry Scheff, lo storico bassista di Elvis. Fra questi figura (There's a) Fire Down Below, che il Re andò molto vicino ad incidere nel 1976. Tra le altre cose, credo che sarà molto emozionante riascoltare la voce di Stefano, un grande personaggio che ci ha lasciati troppo presto. L'intero ricavato delle vendite del cd verrà devoluto alla AIRC (Associazione Italiana Ricerca Cancro). Come ordinare la vostra copia di questo bellissimo disco, che costa soltanto 10 euro più spese di spedizione? Semplicissimo: basta inviare una mail all'indirizzo elvisxme@gmail.com o un sms al numero 3429798641. Il cd, pronto per la fine di questo mese, sarà presentato ufficialmente il prossimo 3 dicembre a Bresso, Milano, in occasione del concerto dei Rubberneckin nel locale Officina della Birra.

Se non mi dilungo troppo a parlare del cd è perché ci ha pensato Marco Lofino a scrivere una splendida recensione dello stesso. La ripubblico anche in questo post, subito dopo avervi mostrato le canzoni che vanno a formare la track list di Italians For Elvis - Now and Forever.

I'm Left, You're Right, She's Gone  Luca Olivieri
Loving You  Luca Olivieri
For Ol' Times Sake  Luca Olivieri
Bridge Over Troubled Water  Stefano Bardelli & The Dreamers
My Way  Stefano Bardelli & The Dreamers
Walk A Mile in My Shoes  Stefano Bardelli & The Dreamers
(Now and Then There's) A Fool Such As I  Massimiliano Barbati & The Rubberneckin    
It's Easy For You  Massimiliano Barbati & The Rubberneckin
Until It's Time For You to Go  Massimiliano Barbati & The Rubberneckin
Don't  Four Vegas
King of the Whole Wide World  Four Vegas
Such a Night  Four Vegas
That's When The Real Love Begins  Fabio Romano & The J.O.'s
Living in Paradise  Fabio Romano & The J.O.'s
(There's a) Fire Down Below  Fabio Romano & The J.O.'s

Niente male, vero? Personalmente non vedo l'ora di ascoltarlo. Spero lo ascolterete anche voi, dopo aver letto l'articolo di Marco e contribuito alla causa della ricerca.

Recensione del cd Italians for Elvis - Now and Forever
di Marco Lofino  

Amare Elvis significa anche saper rendere al più grande artista di tutti i tempi il giusto tributo. Per farlo non basta solo “cantare” o “omaggiare” ma offrire a chi ascolta quel feeling che solo chi apprezza davvero Elvis è in è in grado di percepire. Anche per questo il legame fra Elvis e i suoi fan è qualcosa di unico ed indissolubile.
Questo cd mette assieme vari tributi uniti magistralmente in un’unica riuscita quanto appassionata raccolta di emozioni . Quinidici brani eseguiti da alcune fra le migliori voci tributo ad Elvis in Italia.
Iniziando con gli anni cinquanta si parte con la chitarra magica di Luca Olivieri, da sempre in prima linea nonché pioniere in Italia nel diffondere il verbo in musica presleiano. Luca Olivieri qui lo ascoltiamo cimentarsi pregevolmente in due classici degli anni cinquanta, “I’m Left You’re Right She is gone” ,la dolcissima “Loving You” nonché in un brano particolarissimo dal sapore autobiografico degli anni settanta, la lenta e struggente “For Ol’ Times Sake”. Un inizio col botto, la voce e la chitarra di Luca Olivieri sono una combinazione di eccellenza sempre apprezzabile.
Si prosegue poi con un inevitabile parentesi di forte commozione. Un tributo nel tributo nelle successive tre canzoni che vedono protagonisti i Dreamers, band che per anni ha esaltato il nome di Elvis in Italia nelle loro esibizioni dal vivo anche con esponenti della TCB band , gli Imperials ed il povero Charlie Hodge. La commozione dicevamo è inevitabile quanto straripante nell’ascoltare la voce meravigliosa del nostro indimenticabile amico Stefano Bardelli che purtroppo due anni fa ci ha lasciati, lasciandoci (si conceda la ripetizione) gioielli come una poderosa versione dal vivo di “My Way” e di “Bridge Over Troubled Water” per poi scatenarsi in uno dei brani country veloci che amava maggiormente cantare dal vivo, la brillante “Walk A Mile In My Shoes”. Risentire la sua voce ci fa capire ancora una volta quanto amasse Elvis e quanto Stefano sia ancora e sempre, per sempre con tutti noi.
I Rubberneckin sono una band che da più di quarto di secolo omaggiano Elvis con la giusta misura e bravura unendole ad una carica adrenalinica che non accenna a diminuire nel corso del tempo. La voce del leader Massimiliano Barbati qui si esalta nell’interpretazione di tre brani trasversali nella parabola artistica del cantante di Memphis: la struggente “It’s Easy For You”, il fresco e trascinante rock and roll di “Now And Then There’s A Fool Such As I” e la meravigliosa ballata “Until It’ s Time For You To Go”.
Ma Elvis non è solo presente, con forza e passione, nel Nord Italia. Elvis è ovunque nel nostro paese. Nel centro Italia sono molto apprezzati e conosciuti i “Four Vegas”, gruppo capeggiato da Alessandro Bianchi che da anni si cimenta in esibizioni assai apprezzate focalizzandosi in particolar modo sugli Elvis degli anni cinquanta e sessanta. Gruppo versatile e trascinante, In questo disco avremo modo di dilettarci all’ascolto di brani del primo Elvis quali “Don’t”, “King Of The Whole Wide Word” nonchè la più matura e trascinante “Such A Night” (da ascoltare tutta d’un fiato) 
Dulcis in fundo la ciliegina sulla torta. E che ciliegina. Tre brani che sono delle chicche dal valore affettivo inestimabile perché composti da Jerry Scheff, bassista di Elvis dal 1969 al 1977.
Jerry Scheff ha dato l’ok. Non è un ok qualunque. Jerry è unanimemente riconosciuto come uno dei più grandi bassisti nella storia della musica, forse meno come compositore di brani e la sorpresa in questo senso è ancor maggiore oltre che il piacere . Qui ascoltiamo dei pezzi che forse avrebbero potuto essere delle hit per Elvis se solo avesse avuto la possibilità di poterle riascoltare ed apprezzare nuovamente, dalle più lente e melodiche “That’s When The Real Love Begins” e “Living In Paradise” passando per la più nota ai fan di Elvis “Fire Down Below”, brano di cui anni fa uscì la traccia musicale registrata nel 1976 dalla TCB band e che Elvis stesso avrebbe dovuto incidere nell’ultimo giorno di registrazione di quelle incredibili sedute denonimate “The Jungle Room Sessions”. Purtroppo tutto questo non accadde e allora quale miglior occasione per ascoltare questi brani nella versione di Fabio Romano & the J.O.'s. 
Da anni Fabio Romano ci regala un tributo ad Elvis nel giusto spirito confezionando sempre dei brani godibili all’ascolto perché la passione è la matrice che li caratterizza. Una voce calda, potente ma attenzione niente forzature, niente esagerazioni, solo tanta voglia di celebrare Elvis ora come non mai in questo tributo unico che sicuramente resterà un modello da seguire e perché no da ripetere nel panorama musicale del mondo Elvis Presley in Italia.

A proposito di "Way Down In The Jungle Room"

Way Down In The Jungle Room, la nuova emissione della Sony incentrata sulle ultime canzoni incise da Elvis Presley a Graceland - nel febbraio e ottobre  del 1976 - è uscita da pochi giorni ma sta già facendo parlare di se, in virtù dell'ottimo lavoro svolto dai discografici che ne hanno curato la realizzazione. Tra l'altro, il disco si sta muovendo bene, e  in questi casi la speranza di noi appassionati di vecchia data è che l'arte elvisiana possa arrivare anche e soprattutto a a chi di Elvis ne sa poco o nulla.  L'amico Donny, titolare del bellissimo blog Elvis Presley - Made in Italy ci informa che Way Down In The Jungle Room è entrato nella classifica ufficiale italiana, e devo dire che vedere un cd di Elvis nell'elenco dei più venduti del nostro paese mi rende felice, per quanto le attuali vendite di dischi non siano neanche lontanamente paragonabili a quelle di un tempo. Parlando di classifiche, navigando in internet ho visto che il nuovo album del Re è attualmente al 79° posto nella Top 200 Albums di Billboard (USA), al 67° in Gran Bretagna (era arrivato al 16° posto), al 32° in Austria e al 26° in Australia (era 9° la scorsa settimana).

Non potendo scrivere approfonditamente di Way Down In The Jungle Room (lo acquisterò nei prossimi giorni), mi limito in questa sede a segnalare tre recensioni del doppio cd pubblicate in questo periodo, ad opera di Sebastiano Cecere, uno dei massimi esperti in materia e autore dello straordinario libro Elvis in concert 1945 - 1977Marco Degli Esposti, altro grande esperto elvisiano e amministratore con Bruno Pause dello splendido sito Elvis Italian Collector Club e Mauro Eufrosini, prestigiosa firma del giornalismo musicale italiano e autore di diversi, autorevoli libri dedicati al Rock. Buona lettura.

Recensioni di Marco Degli Esposti e Sebastiano Cecere

Recensione di Mauro Eufrosini 

(Foto: Web)